Sabato 16 dicembre ore 16.00:
“Donne coraggiose. Tra passato, presente e futuro”
Auditorium comunale (Pieria di Prato Carnico)

Riflessione a più voci per illustrare come si possano capovolgere gli stereotipi di genere attraverso il riconoscimento dell’importante ruolo delle donne in contesti difficili, in tempi di guerra e in ogni altra  situazione in cui predomina la violenza. Sarà l’occasione per raccontare anche la storia di Marianna Machin di Pesariis e del suo determinante ruolo per scongiurare la strage del Natale 1944 a Pesariis.
Con:
Nadine Celotti: «Il ruolo dell’interprete in tempi di guerra»
Marina di Ronco: «In Carnia durante l’occupazione cosacca:  donne e quotidiano nell’inverno del 44-45»
Saveria Capellari: «Marianna di Catusc: una donna da ricordare»
Nadine Celotti, Linguista e storica delle traduzioni, già preside della Scuola di lingue per
interpreti e traduttori dell’Università di Trieste
Marina Di Ronco, Laureata in tedesco e russo con una tesi sulla storia dell’occupazione
cosacca in Carnia, tema di cui continua ad occuparsi
Saveria Capellari, Economista del lavoro, già presidente del Comitato Unico di Garanzia
contro le discriminazioni dell’Università di Trieste
“Questa di Marinella…Storie di donne” è un progetto del Comune di Prato Carnico, in collaborazione con l’Associazione Voce Donna ETS e la Pro Loco Val Pesarina e che vede il supporto del progetto “Sunrise” ed è realizzato con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia, Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione e famiglia nell’ambito delle iniziative speciali volte a contrastare la violenza di genere nei confronti delle donne promosse per il 25 novembre, giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Share This