Domenica 28 novembre alle 18 a Osoppo
per la stagione a firma Anà-Thema Teatro
STIVALACCIO TEATRO, A OSOPPO
ARRIVANO GLI “INNOVATORI
DELLA COMMEDIA DELL’ARTE”
Applauditi da pubblico e critica, gli attori della compagnia si cimentano stavolta con
la maschera simbolo del teatro italiano portando in scena “Arlecchino furioso”


La critica nazionale li ha definiti “gli innovatori della commedia dell’arte”. Ovunque i loro spettacoli approdino riscuotono grande successo e i favori di pubblico e critica. Parliamo di Stivalaccio Teatro, la spumeggiante e innovativa compagnia veneta che approda domenica 28 novembre alle 18 alla Corte di Osoppo per la stagione Eureka 12 a firma Anà-Thema Teatro.
Capitanata da Marco Zoppello, che firma anche la regia, la compagnia di cimenta stavolta con la maschera simbolo del teatro italiano, Arlecchino.
Nel loro “Arlecchino Furioso”, infatti, è ancora la commedia dell’arte ad essere protagonista e animare uno spumeggiante spettacolo. L’Amore, quello con la “A” maiuscola, è il motore di un originale canovaccio costruito secondo i canoni classici della commedia dell’arte. Un amore ostacolato, invocato, cercato, nascosto e rivelato, ma soprattutto universale, capace di travalicare i confini del mondo.
Una coppia di innamorati, Isabella e Leandro, costretti dalla sorte a dividersi, si ritrovano dieci anni dopo a Venezia pronti a cercarsi e innamorarsi nuovamente. Allo stesso tempo il geloso Arlecchino corteggia la servetta Romanella, pronto ad infuriarsi al primo sospetto di infedeltà e chissà se, alla fine, l’amore trionferà tra i quattro protagonisti.
Lo spettacolo è pensato per un pubblico universale, recitato con varietà di lingue e dialetti, arricchito dall’uso delle maschere, dei travestimenti, dei duelli, dei canti, delle musiche e delle pantomime. In poche parole un appuntamento da non mancare.
Per informazioni e prenotazioni è possibile telefonare ai numeri 3453146797 o 04321740499 o inviare una email all’indirizzo info@anathemateatro.com. In base alle normative sanitarie per il contenimento della pandemia, per accedere al Teatro della Corte di Osoppo è necessaria, dai 12 anni in su, la presentazione del Green Pass

Comunicato stampa

Share This