Ancora un grande protagonista per il nuovo appuntamento pubblico della quinta edizione del festival multidisciplinare organizzato dall’associazione Gorizia Spettacoli, “AlienAzioni”. Atteso venerdì 11 novembre alle 20,45 al Kinemax di Gorizia il filosofo Marcello Veneziani, con la conferenza-spettacolo ad ingresso libero “P Pound. Poeta Pazzo Profeta” su Ezra Pound nel 50.mo anniversario dalla morte. Una lunga cavalcata nella vita e nei versi del poeta americano, originario di Haley, dov’è nato nel 1885, e morto a Venezia nel 1972. Sul palco con Veneziani anche la partecipazione degli attori Giorgio Amodeo e Antonietta D’Alessandro e dell’arpista Ester Pavlic. «Se penso al primo novembre del 1972, quando morì Ezra Pound, risale negli occhi una gondola che porta nel suo nero scafo per il suo ultimo viaggio verso l’Isola di San Michele il corpo del poeta» – racconta Veneziani. «Ogni volta che vado a Venezia non riesco a dimenticare quell’immagine di mezzo secolo fa, impressa negli occhi del cuore; ogni gondola mi sembra portare il ricordo di lui, il poeta pazzo e sacro, che amava l’Italia e la sua Tradizione, Dante e Cavalcanti», prosegue il filosofo. Sessantaquattro anni prima il giovane americano Ezra pubblicava a Venezia il suo primo libro, A Lume spento: a Venezia cominciò la sua navigazione di poeta, a Venezia si concluse. ”P. Pound. Poeta Pazzo Profeta” è il titolo che Marcello Veneziani dato alla serata poundiana in cui parlerà di lui – «non si comprende il genio della sua poesia senza la sua pazzia e la sua vena profetica» spiega il filosofo – lasciando molto parlare i suoi versi. Nel pomeriggio di venerdì, alle 17.30, Marcello Veneziani sarà anche ospite della Biblioteca comunale di Monfalcone per un altro incontro organizzato da Gorizia Spettacoli, questa volta in collaborazione con il Comune di Monfalcone: “Quando un popolo si scoprì nazione” è il titolo dell’appuntamento nell’ambito di un progetto sul Centenario del Milite Ignoto: sarà un viaggio nel significato di quell’evento e, più in generale, della prima guerra mondiale, tra interventismo ed esiti del conflitto. Entrambi gli appuntamenti sono ad ingresso libero.

comunicato stampa

Share This