31^ EDIZIONE 27 OTTOBRE / 16 DICEMBRE 2022 FESTIVAL INTERNAZIONALE MUSICA SACRA
PORDENONE, CORDENONS, SAN VITO AL TAGLIAMENTO, SESTO AL REGHENA, SACILE, SPILIMBERGO, PASIAN DI PRATO. CAPPELLA PRATENSIS: AL FESTIVAL DI PORDENONE UNO DEI PIÙ ACCLAMATI GRUPPI VOCALI DEL NOSTRO TEMPO. MARTEDÌ 8 NOVEMBRE IL CONCERTO SARÀ DEDICATO AL CAPOLAVORO DI JOSQUIN DESPRÈZ, AVE MARIS STELLA, LA MESSA DI NATALE BASATA SUL MISTERO DELL’ANNUNCIAZIONE. DIRIGE L’ENSEMBLE IL VOCALIST STRATTON BULL, SIPARIO ALLE 20.45 NELLA CHIESA CONCATTEDRALE S. MARCO.

È uno degli Ensemble più originali e apprezzati della scena concertistica internazionale: Cappella Pratensis, dal 2008 sotto la direzione artistica del cantante e direttore d’orchestra Stratton Bull, sin dal nome in il francese “des près” – rende omaggio alla grande tradizione compositiva di Josquin Despréz e alle suggestioni di molti altri polifonisti del XV e XVI secolo, promuovendo una pratica di performance storica nei programmi e offrendo preziose interpretazioni originali nelle esibizioni live. Martedì 8 novembre, alle 20.45 nella Chiesa Concattedrale di San Marco a Pordenone, i riflettori saranno puntati su una delle più spettacolari produzioni di Cappella Pratensis, l’esecuzione della Messa di Natale Ave Maris Stella, ricostruita con un minuzioso lavoro di ricerca, e proposta con una scenografica posizione dei cantanti, come ai tempi di Josquin riuniti vicini, intorno ad un leggio centrale, attingendo le proprie parti da edizioni in facsimile di libri di coro originali, nei quali la musica è registrata nella notazione originale della grafia. Il concerto è una nuova, affascinante proposta della 31^ edizione del Festival di Internazionale di Musica Sacra diretto dai Maestri Franco Calabretto e Eddi De Nadai, promosso da Presenza e Cultura, Centro Iniziative Culturali Pordenone e Casa dello Studente Antonio Zanussi Pordenone, in cartellone fino al 17 dicembre con il sostegno del MIC-Ministero della Cultura, dell’Assessorato alla Cultura della Regione Friuli Venezia Giulia, di Promoturismo Fvg, del Comune di Pordenone e di Fondazione Friuli. L’ingresso è gratuito. Informazioni su www.musicapordenone.it
La Missa Ave Maris Stella, probabilmente realizzata da Josquin durante la sua presenza a Roma tra il 1489 e il 1494, è un eccezionale esempio di quella che si definisce anche “messa parafrasi”, cioè una composizione costruita su un motivo preesistente, in questo caso la melodia gregoriana del famoso inno Ave Maris Stella. Josquin trae, dalle frasi che lo compongono, il materiale tematico sul quale fondare l’intera composizione. La messa è basata su un inno sul mistero dell’Annunciazione, in cui si racconta che la Vergine Maria concepì il Figlio di Dio attraverso l’afflatus superi flaminis, il soffio di Dio o lo Spirito Santo. Completano il programma alcuni canti gregoriani e mottetti anonimi della preziosa collezione di manoscritti dell’Illustre Confraternita di Nostra Signora di s-Hertogenbosch, eseguiti da uno tra i più acclamati ensemble vocali olandesi. La Cappella Pratensis, fondata nel 1987, si compone di un prestigioso gruppo di cantanti e musicologici, solisti e talvolta anche accademici apprezzati in tutto il mondo: Stratton Bull e Andrew Hallock superius, Lior Leibovici controtenore, Peter de Laurentiis tenore, Marc Busnel basso. Cappella Pratensis esegue i propri programmi e le proprie interpretazioni basandosi su un’attenta ricerca accademica, si esibisce regolarmente nei Paesi Bassi e in Belgio. Cappella Pratensis è presente nei festival internazionali e nei teatri più prestigiosi di Francia, Portogallo, Germania e Stati Uniti. L’ensemble ha pubblicato diversi CD, accolti con recensioni entusiastiche dalla stampa, e dal 2005 al 2007 è stato in-residence alla Fondation Royaumont (France), dove ha tenuto corsi e concerti, collaborando con diversi noti musicisti. Nel 2009, ha registrato in DVD/CD la Missa de Sancto Donatiano di Jacob Obrecht, realizzata a Bruges, contenente una ricostruzione della prima esecuzione di questa messa insieme ad una ricca documentazione complementare. Questa produzione è stata premiata con un Diapason Découverte e con la valutazione più alta nella rivista professionale Classica. Il CD Vivat Leo! Music for a Medici Pope (2010), sotto la guida del direttore ospite Joshua Rifkin, è stato premiato con un Diapason d’Or. Una serie di concerti di successo del Requiem di Pierre de la Rue è stata diretta dal direttore ospite Bo Holten.
Nel 2016, Cappella e Nederlands Kamerkoor si sono esibiti in otto concerti nella prima mondiale della Missa Unitatis, scritta nel 2008 da Anthony Pitts (* 1969) in una singolare collaborazione tra cori di Antwerp, Breda, ’s-Hertogenbosch, Eindhoven, Tilburg e Helmond. Cappella Pratensis condivide la propria visione e approccio alla polifonia vocale con professionisti e appassionati tenendo masterclasses e corsi di perfezionamento, attraverso presentazioni multimediali anche in un corso estivo per la durata di una settimana che si svolge annualmente nell’ambito del festival Laus Polyphoniae ad Antwerp. In una collaborazione strutturale con le università di Leuven e di Oxford, i manoscritti musicali del laboratorio di Petrus Alamire vengono esplorati da musicologi e adattati per l’uso di altri musicisti.
Inserito stabilmente nel circuito Italiafestival – la rete nazionale Agis dei più importanti festival italiani – il Festival Internazionale di Musica Sacra di Pordenone è sostenuto da Fondazione Friuli, Bcc Pordenonese Monsile, Electrolux e DForm, e si svolge in partnership con Fondazione Concordia Sette e la Diocesi Concordia Pordenone.

comunicato stampa

Share This