Michel Portal, una delle grandi leggende del jazz, sarà al Jazz & Wine of Peace festival giovedì 20 ottobre, alle 21, nel teatro comunale di Cormòns (i biglietti saranno in vendita dal 4 ottobre, www.controtempo.org) . È uno dei “regali” che la rassegna di Circolo Controtempo – una delle più longeve e prestigiose in Italia e non solo – farà al pubblico per festeggiare i suoi 25 anni di attività insieme a un cartellone come sempre costellato di fuoriclasse del jazz, che sarà presentato il 4 ottobre.

Portal, francese, classe 1935, per i francesi e per i jazzisti di tutti i continenti, è una sorta di mostro sacro, uno degli ultimi “grandi vecchi” della free music europea, vista anche la sua longevità di carriera. Polistrumentista di eccelso virtuosismo, (sax soprano, vari clarinetti e il bandoneon), compositore prolifico, pluripremiato autore di colonne sonore per il cinema (tre volte Premio Cèsar), il jazz è il suo terreno d’elezione, ma non disdegna la musica più leggera e quella, cosiddetta, colta contemporanea. Ha sempre rifiutato le appartenenze di genere. Da sempre sperimenta contaminazioni tra il linguaggio del jazz ed elementi della cultura europea, sia colta che popolare, come le musiche dei Paesi Baschi, sua terra d’origine.

Michel Portal a Cormons nel 2008 – Foto Luca d’Agostino/Phocus Agency © 2008

Al festival presenterà il suo ultimo album “Mp85” (2021, Label bleu), che celebra il suo compleanno, il 27 novembre, irridendo alla sua età (quell’85 accanto alle iniziali) e lo farà insieme ad un quartetto eccelso, portando a Cormòns la sua musica fresca e libera, di una spontaneità e una classe raggiungibile solo col tempo e con l’esperienza. Un disco realizzato in condizioni molto particolari, dopo due lunghi mesi di isolamento. “Come se si trattasse per ciascuno di noi di ristabilire la giusta distanza – dice – con il mondo e con gli altri, la musica è stata creata istantaneamente durante questi pochi giorni di registrazione, fluendo dall’uno all’altro con una vera intensità collettiva. È questo fondamentale gesto di apertura che, secondo me, dà alla musica di questo disco il suo colore e la sua direzione – simile a un lento ritorno alla vita. Quello che abbiamo cercato di fare, tutti insieme, è stato di tornare allo slancio e alla libertà dalle preoccupazioni da cui nasce il suonare, alla semplice gioia di condividere il momento nel suo aspetto più vivido e potente: questa capacità che la musica ha, quando viene presa sul serio con sufficiente disinvoltura, di abbattere tutti i muri che possono alzarsi tra noi!“

La 25. edizione Jazz & Wine of Peace si terrà da mercoledì 19 a domenica 23 ottobre 2022, fra Collio friulano e sloveno e accanto alle grandi stelle del jazz porterà i musicisti della nuova scena nazionale e internazionale. Un festival transfrontaliero diffuso, il Jazz & Wine, che da Cormòns si dirama in varie località, con concerti in aziende vitivinicole, cantine dei produttori di vino, dimore storiche e che da sempre celebra la pace e la fratellanza fra i popoli in un territorio di confine. Non mancheranno gli appuntamenti musicali a Gorizia/Nova Gorica, capitale della cultura 2025.

Oltre 20 i concerti in programma, per festeggiare insieme al pubblico questo venticinquesimo compleanno, all’insegna della grande musica e delle eccellenze enogastronomiche. Numerosi gli eventi collaterali con il ritorno del festival nel festival “Jazz & Taste”, che attraverso otto appuntamenti in dimensioni più intime, esalta il connubio fra i profumi e i sapori dei vini.

Share This