Il progetto Interreg Italia-Austra 2014-2020 “La via della Musica/Strasse der Musik”, che mette in rete Carnia, Valcanale e il distretto di Hermagor, può finalmente portare a conclusione il secondo asset della sua missione. Ovvero compiere il ciclo di azioni divulgative con a tema la musica rivolte alle scuole, per mettere in armonia aree confinanti attraverso saperi condivisi. Ed è così che il progetto, in una rete sinergica tra gli istituti comprensivi, entra nelle classi attraverso la realizzazione e la fruizione di lezioni-concerto.
Destinatari, per incontri che si concluderanno mercoledì 26 maggio, sono l’Istituto comprensivo di Comeglians, nello specifico la classe prima della scuola secondaria di Sappada, e l’Istituto Omnicomprensivo Bachmann di Tarvisio, precisamente la classe prima dell’Istituto Tecnico Turistico. Scuole che, attraverso una prima lezione in streaming ed una seconda on-line, a diretto confronto con un docente specialista del settore musicale, avranno modo di conoscere attraverso percorsi originali ed alternativi, la cultura musicale territoriale e di respiro europeo alla presenza di esperti.

Enrico Cossio – Foto Luca A. d’Agostino © Phocus Agency

“Le meraviglie dell’oboe” con il musicista Enrico Cossio e “Itinerari d’arte musicale” con il musicologo Alessio Screm, sono i titoli dei meeting, per video-lezioni registrate nel mese di febbraio e rese fruibili a studentesse e studenti. L’obiettivo è conoscere e condividere, attraverso commenti, esempi musicali, confronti, sequenze di immagini ed esempi d’iconografia musicale, la vita e l’opera ad esempio del costruttore di strumenti aerofoni ad ancia doppia di Forni di Sopra, lo Stradivari dell’oboe, Giovanni Maria Anciuti, e l’evoluzione dello strumento oboe dall’epoca barocca ai giorni nostri. Inoltre, attraverso tre mini puntate, sarà reso possibile ad alunne ed alunni curiosare e approfondire, con valenza storica e turistica, le bellezze artistiche friulane legate alle rappresentazioni di strumenti musicali, per opere d’arte raccolte in musei, pinacoteche e visibili a cielo aperto. Protagoniste sono le peculiarità proprie di queste terre vicine, nel novero dell’arte dei suoni e della storia di ciascuna località.
Il progetto è realizzato da un team di enti quali la Fondazione Luigi Bon in qualità di lead partner, la Comunità di montagna della Carnia, il Comune di Malborghetto-Valbruna e l’associazione austriaca Via Julia Augusta. Ultima missione in previsione a conclusione del progetto, è la pubblicazione bilingue di tre studi, uno per ogni area, con a tema la musica e l’arte figurativa.

Comunicato Stampa

Share This