LA SCRITTRICE

PROTAGONISTA DI VICINO/LONTANO ON LUNEDI’ 14 GIUGNO
“DISTANZE”, PUO’ COLMARLE LA LETTERATURA? NEL CASO DEL TEMPO E DELLA MEMORIA COLLETTIVA È ILLUMINANTE IL LIBRO DELLA SCRITTRICE ETIOPE-STATUNITENSE MAAZA MENGISTE, FINALISTA BOOKER PRIZE CON “IL RE OMBRA” PUBBLICATO IN ITALIA DA EINAUDI, NELLE ULTIME ORE VINCITRICE DEL PREMIO GREGOR VON REZZORI – CITTA’ DI FIRENZE.
MAAZA MENGISTE SARA’ PROTAGONISTA DEL DIALOGO MAGISTRALE DI VICINO/LONTANO ON LUNEDì 14 GIUGNO, ALLE 20.45 IN STREAMING, IN DIALOGO CON SERGIA ADAMO, PROFESSORE ORDINARIO DI LETTERATURE COMPARATE E TEORIA DELLA LETTERATURA ALL’UNIVERSITA’ DI TRIESTE.

Pubblicato nella traduzione di Anna Nadotti, “Il re ombra” di Maaza Mengiste è una potente narrazione storica, un romanzo forte, originale e appassionante che riporta alla tragedia dell’invasione italiana dell’Etiopia e alla resistenza eroica di un popolo. L’autrice adotta un duplice spicchio visuale, quello etiope e quello italiano, filtrandolo attraverso lo sguardo delle donne. “Il re ombra” si apre e si chiude nel 1974 alla stazione ferroviaria di Addis Abeba, racchiudendo la genesi della Guerra d’Etiopia, nel 1935, e l’epilogo vittorioso della resistenza etiope nel 1941, in una narrazione polifonica. È Hirut, giovane donna orfana entrata nella casa del capo guerriero Kidane, il vero demiurgo della vicenda con l’invenzione geniale del “Re ombra”, il mite pastore Minim così somigliante all’imperatore esiliato Selassié.
Vicino/lontano ON si concluderà lunedì 21 giugno con il dialogo dedicato a Forensic Architecture, il gruppo di ricerca della Goldsmiths University di Londra che impiega le tecnologie digitali più avanzate per ricostruire gli scenari in cui si verificano casi di violazione dei diritti umani. A dialogare con la ricercatrice Dimitra Andritsou sarà Michele Bonino, docente di Composizione architettonica e urbana al Politecnico di Torino.
Info e dettagli: vicinolontano.it

comunicato stampa

 

Share This