È proprio nei momenti di crisi che la riflessione sul ruolo dell’arte si fa più urgente: quali le potenzialità, la forza, i limiti, il territorio d’azione, il ruolo stesso dell’artista visivo in momenti, come quelli che stiamo vivendo, in cui ogni certezza sembra venir meno? Il progetto espositivo di ERPAC FVG – che si sviluppa in varie sedi – vuole interrogare proprio gli stessi protagonisti, cercare di dar voce alle loro ambizioni, alle loro illusioni, alle loro tragiche sconfitte: vuole guardare l’“Artista” con gli occhi degli “artisti”, coglierne l’immagine, nella sua dimensione “mitica”, attraverso le proiezioni di ritratti e autoritratti. Si propone quindi di costruire un racconto sfaccettato, che si snoda in differenti capitoli, mettendo a fuoco di volta in volta le tante possibili prospettive che il tema della auto-rappresentazione finisce per intercettare: un racconto che intende sollecitare nel visitatore interrogativi, mettere in guardia dalle insidie degli stereotipi, in un continuo rapporto tra passato e presente, storia e contemporaneità. Perché è lo stesso “dispositivo” dell’autoritratto, nel suo gioco di specchi e di sguardi, che costringe lo spettatore ad andare al di là della superficie dell’immagine, a coglierne la stratificata complessità. A ripercorrere gli studi e i percorsi espositivi dedicati a questo tema che si sono succeduti negli ultimi decenni, nonostante di volta in volta possa prevalere un taglio autobiografico, psicologico, psicoanalitico, sociologico, una prospettiva diacronica o tutta contemporanea, appare chiaro però come al centro della stessa operazione “autoritratto”, di questa “sfida” che l’artista pone di fronte a sé ci sia la stessa idea di pittura, di arte.

Vanja Strukelj
Presidente del Comitato Scientifico di ERPAC FVG

LE MOSTRE
Io, lei, l’altra – Ritratti e autoritratti fotografici di donne artiste
19 marzo – 17 luglio
Magazzino delle Idee
Corso Cavour, 2, Trieste

Fino al 17 luglio 2022 il Magazzino delle Idee di Trieste presenta la mostra Io, lei, l’altra – Ritratti e autoritratti fotografici di donne artiste, a cura di Guido Comis in collaborazione con Simona Cossu e Alessandra Paulitti. Prodotta e organizzata da ERPAC – Ente Regionale per il Patrimonio Culturale del Friuli Venezia Giulia – l’esposizione ripercorre, attraverso novanta opere, la fotografia degli ultimi cento anni e permette di valutare la nuova concezione della donna e il suo ruolo attraverso una successione di straordinarie immagini da Wanda Wulz a Cindy Sherman, da Florence Henri a Nan Goldin. Il ritratto e l’autoritratto fotografico sono una testimonianza straordinaria del difficile processo di affermazione di sé e della conquista di una nuova identità sociale da parte delle artiste donne nel Novecento e nei primi anni del nuovo secolo. I ritratti e gli autoritratti sono luoghi di confronto, ma anche di conflitto fra espressioni diverse dell’identità. A forme convenzionali di rappresentazione si contrappongono nuovi modi di esprimere la propria personalità; i ruoli consolidati della rappresentazione della donna, le pose ripetitive mutuate dai ritratti tradizionali cedono spazio a modalità di espressione inedite.

Artista + artista. Visioni contemporanee
14 maggio – 18 settembre 2022
Galleria Regionale d’Arte contemporanea “Luigi Spazzapan”
Via M. Ciotti 51 – 34072 Gradisca d’Isonzo GO)

Fino al 18 settembre 2022, la Galleria Regionale d’Arte contemporanea Luigi Spazzapan di Gradisca d’Isonzo presenta la mostra Artista + Artista. Visioni contemporanee, curata da Lorenzo Michelli e organizzata da ERPAC FVG – Ente Regionale per il Patrimonio Culturale del Friuli Venezia Giulia. È proprio nei momenti di crisi, come quello attuale, che le riflessioni e le domande sul ruolo dell’arte si fanno più urgenti: quali sono le sue potenzialità, la sua forza, i suoi limiti, il suo territorio d’azione e quale dev’essere il ruolo dell’artista visivo nelle fasi storiche in cui ogni certezza sembra venire meno. Il progetto espositivo di ERPAC vuole dare una risposta a questi interrogativi, cercando di dare voce agli artisti, alle loro ambizioni, alle loro illusioni e alle loro tragiche sconfitte, guardando l’Artista con gli occhi degli Artisti. In questo contesto la mostra “Artista + artista” vuole offrire una sua interpretazione e una visione del tema del ritratto, genere artistico da sempre frequentatissimo, che conduce ad altri due temi: quello dell’identificazione dell’uomo e dell’artista – delle motivazioni che lo spingono a operare, a trasmettere pensieri, idee e suggestioni – e quello del rapporto con l’osservatore, il pubblico.

Riflessi. Autoritratti nello specchio della storia
28 maggio – 2 ottobre 2022
Palazzo Attems Petzenstein
Piazza E. De Amicis, 2 – 34170 Gorizia (GO)
www.musei.regione.fvg.it

Fino al 2 ottobre 2022 Palazzo Attems Petzenstein a Gorizia presenta la mostra Riflessi. Autoritratti nello specchio della storia, un progetto espositivo a cura di Johannes Ramharter e Raffaella Sgubin con la collaborazione di Lorenzo Michelli e Vanja Strukelj, composto da quasi settanta opere, di cui la maggior parte provenienti da prestigiose istituzioni austriache come il Belvedere di Vienna, ma anche da Bratislava e da Brno, dedicate all’autoritratto e al ritratto d’artista. A suggellare l’accordo di collaborazione siglato tra ERPAC e Comune di Trieste, sei straordinari dipinti provengono dal Museo Revoltella.

Le quasi settanta opere in mostra delineano un percorso in otto sezioni: Attività artigianale o arte liberale, L’Accademia, L’atelier, L’artista come osservatore, L’autoritratto come autorappresentazione, L’artista in crisi, L’artista e il travestimento, (Auto)ritratti di famiglia. La prospettiva storica ad ampio raggio, dalla metà del Cinquecento al contemporaneo, consente di mettere in luce la forza di modelli iconografici che vengono riproposti nei secoli, ma anche le profonde trasformazioni che si celano dietro, a volte, anche piccole varianti.

Attraverso il volto
Autoritratti dalle collezioni del Museo Revoltella 

30 giugno – 9 ottobre 2022
Museo Revoltella –  Galleria d’arte moderna, Trieste
Via Diaz 27, Trieste (TS)

Fino al 9 ottobre 2022 il Museo Revoltella – Galleria d’arte moderna di Trieste presenta la mostra Attraverso il volto. Autoritratti dalle collezioni del Museo Revoltellaa cura di Susanna Gregorat, una selezione di opere, in gran parte inedite al pubblico, della prestigiosa collezione di autoritratti del museo, che nella sua totalità conta circa 120 dipinti. Per la realizzazione di questa esposizione è stato siglato un accordo di collaborazione tra l’ERPAC FVG e il Comune di Trieste, in un’ottica di valorizzazione del sistema museale regionale e della produzione di un progetto di rilevante interesse per la ricerca e lo sviluppo del territorio.

La mostra del Museo Revoltella, che conclude in ordine di tempo la serie delle quattro inaugurazioni in Regione, si affianca e completa questa straordinaria galleria di ‘volti’ e di personalità artistiche senza tempo, protagoniste di un dialogo al tempo stesso desueto e affascinante con il visitatore. Un racconto sfaccettato, che si snoda in differenti capitoli, mettendo a fuoco di volta in volta le tante possibili prospettive che il tema dell’autorappresentazione finisce per intercettare.

Comunicato stampa

Share This