Uno dei più noti cult del genere thriller. Incredibile, coinvolgente, da togliere il fiato. Entra sotto la pelle, indelebile. Il vedovo Aoyama decide di risposarsi. Insieme a un produttore cinematografico, organizza una finta audizione per trovare una compagna. La timida Asami cattura la sua attenzione e sarà l’inizio di un incubo. Una crudele parabola dell’isolamento sociale, dell’abisso che esiste tra uominie donne.

Il regista, Takashi Miike, è considerato uno dei cineasti giapponesi più talentuosi e originali di sempre.Come dimostra Audition, Miike non ha paura di essere diretto e coraggioso, di punzecchiare, provocarelo spettatore, sconvolgerlo. Dopo la visione di uno dei suoi film si esce cambiati e arricchiti da un’esperienza cinematografica assolutamente unica. Chi ama la settima arte non può non conoscere questo autore.

True masterpiece – if ever there was one.
QUENTIN TARANTINO

One of the best horror of the year (…) and the kinkiest, creepiest, most pungently sexual horror in recent memory.
PETER BRADSHAW, THE GUARDIAN

The most shocking frights since the punchline of CARRIE (…) an outstanding, unforgettable picture.
KIM NEWMAN, EMPIRE

Il film sarà mostrato in anteprima, per la prima volta in versione restaurata, al Far East Film Festivaldi Udine, mercoledì 27 aprile alle 9.
Accrediti e info a questo link: https://www.fareastfilm.com/calendario/

http://wantedcinema.eu/www.instagram.com/wantedcinema/

Comunicato stampa

Share This