Alvise Nodale è un cantautore che si è affermato nel panorama della musica d’autore friulana grazie al suo innato talento e alla raffinatezza delle sue canzoni, per lo più espresse in marilenghe, variante carnica. Lo abbiamo già incontrato intervistandolo in occasione dell’uscita dei suoi album “The dreamer” e “Zornant”, che hanno seguito il suo bellissimo disco d’esordio “Conte flame”. Alla soglia della trentina il cantautore carnico, che con Lino Straulino e Alessia Valle ha fondato il trio Villandorme, è riconosciuto come il legittimo erede dei grandi esponenti della musica popolare regionale. Ha collezionato una serie di collaborazioni con altri artisti, tra le quali ricordiamo quelle con Lino Straulino, Cinque Uomini sulla Cassa del Morto, Nicole Coceancig, l’ensamble Lis lotis dal Cormor e anche con l’autore di questo articolo. Racconto spesso di essermi definito fin dai suoi esordi uno dei suoi più grandi fan: ogni volta che lo ascolto le emozioni corrono veloci. Nel 2023 si è imposto all’attenzione nazionale vincendo le rassegne artistiche “Mille anni al mondo mille ancora” nell’ambito del Festival Frattempi e il concorso “New Sounds of Acoustic Music”. Edoardo De Angelis, già produttore artistico di Francesco De Gregori e Sergio Endrigo, ha accompagnato Alvise nella costruzione di una nuova raccolta di canzoni inedite in friulano dal suggestivo titolo Gotes, pubblicato dall’etichetta Il Cantautore Necessario e distribuito da Egea Music. La produzione esecutiva è stata curata da CulturArti. Secondo De Angelis Alvise Nodale è un artista vero, vale a dire fuori dal tempo, e quindi adatto a ogni tempo. La sua è un’offerta generosa, di sentimenti, di vita, di linee melodiche, di ricercate armonie e del suono della sua lingua che non si presenta come un limite ma come una caratteristica, una straordinaria particolarità, una ammirevole distinzione personale. La raccolta è composta da dieci brani (dieci gocce) che, con la consueta intimità, raccontano di fragilità, dubbi, amori e tormenti esistenziali. Le sonorità sono acustiche, il disco è stato registrato quasi per intero in presa diretta al Master Studio di Massimo Passon. Alvise (chitarre, percussioni, harmonium indiano e voci) è stato affiancato da Stefano Cabrera al violoncello e da Flavia Barbacetto alle voci. Interventi essenziali e di grande spessore artistico. La pregevole grafica, in perfetta sintonia con i contenuti artistici dell’opera, è stata curata da Elena Cacitti, il design e l’impaginazione da Pietro Brunetti. L’album è già stato presentato ufficialmente a Prato Carnico il 21 giugno e sarà proposto in concerto in diverse occasioni, tra le quali citiamo il Ferentino Acustica Festival (18 luglio), la rassegna Palchi nei Parchi – Forni Avoltri (21 luglio), il Festival Madame Guitar – Tricesimo (22 settembre) nonché in numerose località friulane (Premariacco, Ragogna, Comeglians, Sutrio, Gemona e Cormons). Per informazioni dettagliate sulle date in programma vi rimandiamo alle pagine ufficiali dei social media di Alvise Nodale.

L’apertura di Gotes (già a disposizione per l’ascolto sulle maggiori piattaforme digitali) è affidata a L’ore (l’ora), che propone un mix di stili: l’arpeggio è all’americana, ma l’impronta è una ballata alla De Andrè: “Datemi un campanile che indichi l’ora / quella sbagliata del mio cuore / Datemi il peso che è nell’aria / e una falena per uscirne / Datemi un posto o un’altra storia / vicino al cielo è più sicuro che ci siano attimi / in cui si alza il tramonto”. Lontan (lontano) è un classico brano alla “Alvise Nodale”, sorretto da una melodia che contiene tutti gli elementi che fecero dire a Jean Wiener: “Se una canzone non è un motivo – linea melodica, semplice, simmetrica, logica, costante, accessibile e che si ricorda subito – non è veramente una canzone”. Un pezzo bellissimo. Così come la terza traccia Sunsur, a mio avviso il più bel pezzo scritto da Alvise. Ha atteso Gotes per inciderlo, ma lo ha cantato in diverse occasioni, anche al Folkest, senza mutare una singola nota. Una canzone magica che tutti i cantautori friulani (ma non solo loro) dovrebbero ascoltare con attenzione. La quarta goccia, Ricuarts (ricordi) è l’ennesima perla del cantautore carnico, che non finisce mai di stupire nella sua ricerca di soluzioni melodiche apparentemente semplici ma in verità frutto di una sensibilità e talento al di fuori del comune. “Ci sono parole per sentirsi figli / e altre per capire / che non c’è foglia senza radice / per quanto chiami il vento / Vaghiamo / cercando un nuovo dove / e quel luogo in cui tornare lo chiameremo ricordo”. Qui va sottolineata la singolare poeticità dei testi di Alvise Nodale, che troppo spesso passa in secondo piano a chi ascolta i suoi brani. Gotes (gocce) è uno strumentale che rappresenta bene lo stile chitarristico dell’autore. Se… contiene alcuni crescendo con doppia voce sorretti magistralmente dal violoncello di Stefano Cabrera. La raccolta non contiene canzoni minori, la qualità è costante: le canzoni sono, parafrasando un’osservazione di un critico musicale, solide come i mobili di legno di una baita di montagna. Cuintrevint (controvento), cantata a voce bassa, richiama atmosfere alla Nick Drake e racconta di esistenze costellate da sogni lacerati. Invier (inverno) è sorretta da un bell’arpeggio in un crescendo musicale che coinvolge un sublime arrangiamento di archi e la voce di Flavia Barbacetto. Il spieli (lo specchio) e la bellissima Un ati mar (un altro mare) chiudono un album che segna una nuova data zero nella musica d’autore friulana: un potente ritorno alla melodia, la reazione al modernismo a tutti i costi, un consapevole rifiuto di assecondare le mode del momento. Gotes è un’opera che richiede attenzione all’ascolto e la merita, cosa rara nei nostri giorni. Citando nuovamente Edoardo De Angelis, le canzoni di Alvise Nodale sono adatte a ogni tempo.

Video di Sunsur

https://www.youtube.com/watch?v=a-qCHVkew2c

 

© Franco Giordani per instArt

Share This