Oblivion Rhapsody © Laila Pozzo

LATISANA – TEATRO ODEON
mercoledì 2 marzo – ore 20.45

SPILIMBERGO – TEATRO MIOTTO
venerdì 25 marzo – ore 20.45

CASARSA DELLA DELIZIA – TEATRO PASOLINI
sabato 26 marzo – ore 20.45

CIVIDALE DEL FRIULI – TEATRO RISTORI
venerdì 1.aprile – ore 21.00

Dopo aver debuttato nel luglio scorso con tre serate a Monfalcone, ritorna nel Circuito ERT il nuovo spettacolo degli Oblivion. Oblivion Rhapsody, lavoro in cui i cinque “madrigalisti moderni” hanno condensato il meglio di oltre dieci anni di carriera insieme, andrà in scena mercoledì 2 marzo al Teatro Odeon di Latisana. Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni, Lorenzo Scuda e Fabio Vagnarelli, diretti da Giorgio Gallione, ritorneranno in Friuli venerdì 25 marzo al Teatro Miotto di Spilimbergo e sabato 26 marzo al Teatro Pasolini di Casarsa. L’ultimo appuntamento nel Circuito ERT è programmato il 1. aprile al Teatro Ristori di Cividale. Tutte le serate avranno inizio alle 20.45, con l’eccezione di Cividale dove il sipario si aprirà alle 21.00.

Sono passati ormai 13 anni da quando gli Oblivion divennero virali sul web con la loro versione dei Promessi Sposi in 10 minuti. Da allora sono arrivati i successi in televisione (Parla con me di Serena Dandini e Zelig) e soprattutto le tournée teatrali da tutto esaurito che hanno sempre fatto tappa anche nei teatri della regione. Ora, in piena crisi di mezza età, i cinque sfidano se stessi con un’inedita e sorprendente versione acustica della loro opera omnia: cinque voci, una chitarra e un’infinità di parole, suoni e note, scomposti e ricomposti, che prendono nuova vita. Gli Oblivion saliranno sul palcoscenico, nudi e crudi, per distruggere e reinventare le loro hit, dopo aver sconvolto senza pietà quelle degli altri.
Oblivion Rhapsody ripercorre la loro storia e le loro migliori performance, dalle famose parodie dei classici della letteratura alla comica dissacrazione della musica, con sketch inediti e succose novità. Un viaggio visionario che racconta anni di raffinate e folli sperimentazioni, senza soluzione di continuità, al confine fra genio e follia, intrattenimento leggero e intelligente demenzialità.

Scrive Giorgio Gallione nelle note di regia: “Gioco, paradosso, ironia, sorriso: questo è il Comico che vedo negli Oblivion. Il tutto sorretto e condito da un talento continuamente messo in discussione e da una professionalità feroce. Tutto è libero e volatile nel loro teatro, ma nulla è affidato al caso. C’è costantemente un’architettura ferrea che sostiene i loro castelli di carta. Così quello che può sembrare solo uno scherzo diventa nella realtà della scena un linguaggio polifonico, meticcio, contaminato. Una costruzione variegata e complessa di parole e musica che gode della gioia della lingua e del pensiero, ma che si trasforma presto in sberleffo liberatorio, sovversione del senso comune, ludica e ragionata aggressione alla noia”.

Informazioni sulla tournée al sito ertfvg.it, prevendite contattando il CIT Latisana (0431 59288 – 3249079773 | info@citlatisana.com); i biglietti per le date di Latisana e Spilimbergo sono già disponibili anche online sul circuito Vivaticket.

Comunicato Stampa

Share This