Ancora tanti viaggi e tanti itinerari da scoprire per la seconda giornata di GEOgrafie, il festival promosso dal Comune di Monfalcone con Fondazione Pordenonelegge e con il sostegno di Fincantieri, a cura di Gian Mario Villalta, Michela ZinSilvana Corbatto e Roberto Covaz. Ci sono racconti di viaggio che è bello ascoltare, pregustando già il piacere di poterli ritrovare sul campo: è il caso di “Rotta su Venezia”, il libro di Gianni Pasin pubblicato da Ediciclo, in anteprima assoluta domani a Monfalcone (ore 18.30, piazza Repubblica – Spazio Sud). Un’avvincente esperienza di ciclo-navigazione lungo la Litoranea Veneta, da Chioggia a Trieste. Un racconto di viaggio che ci porta, ora in barca e ora in bici, alla scoperta di un lembo di terra sospeso fra città antiche, porti, isole e aree naturali. L’autore presenta la sua novità in dialogo con Nadia Pasqual. Sempre domani, alle 18.30 nello Spazio Nord di piazza Repubblica, riflettori sull’ “Atlante di geogastronomia”, una pubblicazione Mondadori Electa dell’autrice Marina Liverani, che ne converserà insieme a Valentina Gasparet, curatrice di pordenonelegge. Al centro del volume una nuova geografia della cucina e delle abitudini alimentari, un linguaggio universale che ha il potere di unire e affascinare. Così come non mancherà di coinvolgere il pubblico di GEOgrafie la presentazione dell’ultima avventura letteraria di Chiara Carminati, il libro “Un pinguino a Trieste” (Bompiani) che l’autrice presenterà domani alle 17 nello Spazio Nord, in dialogo con Roberto Covaz: l’occasione per conoscere il giovane protagonista del romanzo, Nicolò, che a quindici anni si mette in viaggio verso Città del capo, alla ricerca del padre. Sempre Chiara Carminati, in mattinata, alle 10 nello Spazio Nord di piazza Repubblica presenterà con Valentina Gasparet “Viaggia verso. Poesie nelle tasche dei jeans”, una raccolta di poesie dedicate a quel tempo elastico infinito che chiamiamo adolescenza. L’incontro è dedicato in particolare agli studenti delle scuole superiori. Spazio ancora al viaggio d’inchiesta, domani a GEOgrafie: un’indagine durata tre anni, portata avanti da Pericle Camuffo e Monica Zornetta sulle tracce della fortuna in Sudamerica di uno dei maggiori gruppi imprenditoriali italiani, confluito nel saggio “Alla fine del mondo. La vera storia dei Benetton in Patagonia”, che gli autori presenteranno alle 17 nello Spazio Sud, presentati da Riccardo Bottazzo. E dalle 21 al Teatro Comunale sipario sullo spettacolo Fahrenheit 451, lettura scenica realizzata dai Lettori in Cantiere guidati dall’attore e regista Gualtiero Giorgini, sulle orme del pompiere Montag di bradburiana memoria. Affiorano così frammenti di varia umanità: un trio di vecchietti scanzonati, imbottigliati nel traffico della vita sulla via del Paradiso, e poi l’amore per i libri di un giovanissimo poeta friulano, e dalle tribolazioni d’amore a quelle più terrene, in un paese dove è “sempre tutto da rifare”. Tra lacrime e risate, un teatro che inneggia al potere della lettura. Presenta Silvana Corbatto. Sarà focalizzata sulla letteratura a misura di bambini e ragazzi, la mattinata di domani: si parte con Books in the City e per le Scuole dell’Infanzia e Primarie, quindi le GeoLetture a cura dell’attore e narratore Livio Vianello, che proseguirà con gli appuntamenti pomeridiani: gli Oggetti smarriti, animazione e letture sempre a cura di Livio Vianello (Spazio Sud), il laboratorio di Vera Salton tra mito e racconto (Libreria Comunale), l’appuntamento dedicato all’editoria per i ragazzi e per l’infanzia nell’incontro con Francesca Archinto e Marco Pellegrini. Focus sulla casa editrice Babalibri e sul progetto di promozione della lettura Librilliamo,

comunicato stampa

Share This