Si intitola SPECCHI DI CONFINE | ZRCALA MEJE ed esplora il concetto di confine in un’area dove due città si osservano, si riflettono e si riconoscono l’una nell’altra, il nuovo festival in programma dal 25 luglio al 3 agosto (con un’anteprima il 13 luglio a una seconda parte indoor dal 23 al 27 ottobre) fra Gorizia e Nova Gorica, perfetto esempio di progetto nell’ambito di Go!2025 Gorizia Nova Gorica Capitale della cultura europea. Senza confini anche nell’organizzazione, condivisa da Circolo Controtempo di Cormòns e dal partner sloveno Kud Morgan, in collaborazione con Goriški muzej, il festival offrirà musica, arte, libri, scrittori, incontri, esperienze all’insegna del gusto e delle eccellenze vinicole e culinarie del Collio, Brda e dintorni, o della scoperta di luoghi e itinerari, nel segno di un dialogo possibile grazie alla condivisa cultura locale. E intreccerà la sesta edizione del festival Musiche dal mondo/Glasbe Sveta, che portando i grandi nomi della musica internazionale, celebra da sempre il sodalizio fra le due città di frontiera.   Sono numerosi i protagonisti di Zrcala, cominciando dai musicisti dal prestigio internazionale che potremo ascoltare nei concerti che si terranno (alle 21) in luoghi di grande fascino quali villa de Nordis a Gorizia e il castello di Kromberk a Nova Gorica. Fra loro l’acclamato chitarrista francese Biréli Lagrène (27 luglio, Gorizia), la stella del “blues sahariano” Bombino (1 agosto, Nova Gorica), la compositrice, violoncellista e cantante cubana Ana Carla Maza (25 luglio, Gorizia), la viennese Vegetable Orchestra, che propone un’esperienza sonora unica utilizzando strumenti fatti di verdure fresche (26 luglio, Gorizia), il formidabile duo composto dal re dell’oud contemporaneo Dhafer Youssef e il chitarrista jazz norvegese Eivind Aarset (30 luglio, Nova Gorica), fino al grande Richard Galliano (3 agosto, Nova Gorica).  E per l’anteprima del 13 luglio, a Lokve, anche Norman Beaker, figura di spicco da 40 anni della scena blues britannica.   Gli scrittori che interverranno in questa edizione, accolti alle 18 negli spazi dell’Ex Ferramenta Krainer di Gorizia, accomunati dalla sensibilità verso temi come il confine, le lingue, le tradizioni e sullo sfondo c’è sempre, la musica, che è sempre il cuore del festival, saranno Alessandro Canella, direttore di Radio Città Fujiko, emittente comunitaria e indipendente fra le più seguite a Bologna, con il libro “Onde ribelli” (25 luglio), Michele Obit, poeta traduttore e direttore del settimanale bilingue Novi Matajur, con il suo “La balena e le foglie” (26 luglio),in dialogo con Maurizio Mattiuzza, voce fra le più importanti del panorama letterario regionale. Quindi Stefano Montello, autore di molti libri e storico co-fondatore e cantante degli Flk, con il suo “Gli anni di camel suite” (27 luglio) e Anna Cecchini, autrice del libro “Lyduska. La vita tra due mondi della contessa Di Salcano” il 28 luglio.   Sabato 13 luglio, per tutta la giornata, Specchi di confine/Zrcala meje offrirà una serie di appuntamenti, racchiusi nel “Festival Beer & Blues”, che fra musica, passeggiate, arte incontri e degustazioni con prodotti italiani e sloveni vedranno protagonista la piccola e interessante località di Lovke, frazione di Nova Gorica.
PREVENDITE ITA  www.vivaticket.it    PREVENDITE SLO  www.mojekarte.si     INFO  www.controtempo.org  www.glasbesveta.org ticket@controtempo.org /info@glasbesveta.org / kud.morgan@gmail.com

Comunicato stampa

Share This