Carniarmonie
gran finale della 30° edizione tra sabato 4 e domenica 5 settembre

Ultimi due concerti per la 30^ edizione della kermesse musicale Carniarmonie, il festival della montagna friulana diretto da Claudio Mansutti che ha portato la sua musica per tutta l’estate in Carnia, Valcanale e Canal del Ferro, con un cartellone di ben cinquantaquattro concerti a partire dallo scorso luglio fino a questi ultimi appuntamenti di settembre. Domani, sabato 4 settembre appuntamento nella Pieve di Santo Stefano a Cesclans di Cavazzo Carnico (ore 20.30) con un affiatato trio d’archi del rinomato Conservatorio Bellini di Catania. Il Trio Guidantus sarà protagonista di un concerto di Trii e miniature per archi di un programma originale e ben pensato, con pagine poco note e classici, di Pleyel, Haydn, Schubert, Dvorak, Naumann. Loro sono Vito Imperato al violino, Alberto Salomon alla viola e Benedetto Munzone al violoncello. Il loro amore per la musica da camera e il desiderio condiviso di esplorare insieme il repertorio per trio d’archi, rende le loro intese e interpretazioni qualcosa di unico. Domenica 5 settembre alle 18.00 ad Arta Terme, grande finale con l’ottima Accademia d’Archi Arrigoni diretta dal violinista e didatta Domenico Mason, con ospite la straordinaria violinista russa Maria Solozobova, giovane stella nel pantheon della nuova generazione di interpreti. Un grande evento, con una compagine di assoluto livello, a testimonianza di un percorso artistico fortemente voluto da Carniarmonie, di commistione tra artisti affermati e promettenti talenti. Eseguiranno un programma vibrante con musiche di Mozart, Elgar e Holst.

I concerti sono ad ingresso gratuito con esibizione del green pass. Prenotazioni su carniarmonie.it

comunicato stampa

Share This