“A scuele…” e “Cumò… une volte”, didattica e narrativa su Onde Furlane
In modulazione di frequenza e in rete una ricca offerta di trasmissioni dedicate alla scuola e al racconto
Per i 40 anni dell’emittente ritorna “in onde” una selezione di materiale d’archivio “sempreverde”, utile e interessante

Durante questo periodo, necessariamente caratterizzato da limitazioni e restrizioni, Radio Onde Furlane ha continuato a svolgere il suo lavoro quotidiano di produzione e diffusione di cultura, intrattenimento e informazione. Come tutti, anche la “radio libare dai furlans” ha dovuto attenersi a quanto previsto dagli atti adottati da Stato e Regione per contrastare la diffusione de virus e vi si è adattata senza però venire meno alla sua sostanziale funzione di servizio pubblico in lingua friulana. La programmazione non ha mai accusato limitazioni od interruzioni ed anzi, come ha riscontrato il pubblico negli ultimi due mesi, non sono mancate neppure le novità nell’offerta radiofonica sia con l’avvio di nuovi programmi di intrattenimento e approfondimento che con il recupero di programmi d’annata.
Nell’ambito delle iniziative volte a festeggiare i primi quartant’anni di vita dell’emittente sono comprese proprio la riorganizzazione e la digitalizzazione del suo archivio sonoro e quindi la riproposizione, all’interno del palinsesto, di almeno una parte di esso. In questo quadro si collocano in particolare due iniziative, che danno soddisfazione tanto all’esigenza di documentare il lavoro svolto da Onde Furlane quanto alla volontà di offrire al pubblico programmi e materiali di sicuro interesse e di particolare utilità.
A scuele cun Onde Furlane è il titolo collettivo che si riferisce ad una sessantina di trasmissioni realizzate nell’ambito di una serie di progetti didattici in lingua friulana sviluppati nel corso degli anni in diverse scuole del Friuli, affrontando tematiche quali le migrazioni, la Resistenza, la memoria storica, l’ambiente e i mutamenti sociali ed economici nelle diverse comunità.
Si tratta di veri e propri laboratori didattici radiofonici, che ovviamente erano già stati trasmessi in passato, i cui protagonisti sono proprio i ragazzi delle diverse scuole primarie e secondarie di primo grado coinvolte, da San Giorgio della Richinvelda a Lavariano, da Trivignano Udinese a Maniago, da Palazzolo delle Stella ad Adegliacco. I progetti, coordinati all’epoca da Adriano Venturini e nella cui realizzazione hanno avuto un ruolo significativo voci “storiche” della radio come Marina Tolazzi, Loris Vescovo, Cristina De Michielis e Michele Polo, già da tempo sono proposti ogni mattina, dal lunedì al venerdì, alle 8.30, con una veste editoriale unitaria curata da Paolo Cantarutti. Da questa settimana, inoltre, trovano spazio anche il lunedì e il giovedì alle 17.00. Tutte le trasmissioni possono essere ascoltate anche in rete, all’indirizzo https://www.spreaker.com/show/a-scuele-cun-onde-furlane. «In questo modo – spiega il direttore di Onde Furlane, Mauro Missanamettiamo a disposizione di insegnanti e ragazzi del materiale utile per l’attività in lingua friulana, contribuendo così anche a colmare almeno in parte la sostanziale mancanza di offerta didattica di friulano e in friulano che si è avuta con la chiusura delle scuole e con il confinamento».
Dal 4 maggio scorso, il lunedì e il giovedì alle 17.30, trova spazio nel palinsesto di Onde Furlane anche Cumò … une volte, selezione di programmi incentrati sulla lettura di testi narrativi di vario genere, che a partire da giugno occuperà anche la fascia oraria compresa tra le 8.30 e le 9.00, dal lunedì al venerdì Sarà l’occasione per riascoltare, tra le altre Lis Flabis di Esôf, la lettura dei testi di Esopo in friulano, tradotti dal greco antico da Pierluigi Visintin. Saranno proposte anche le Flabis a mirinde di Lussia di Uanis, Lis storiis di Inge e Bach di Luca De Clara e serie dedicate in particolare ai più piccoli come Anìn a nolis di Lia Bront, Mariflabis di Barbara Minen e Audioflabis a cura di Aida Talliente e Michele Polo. La narrativa popolare sarà invece protagonista delle serie Sul troi des contis con Carli Pup e Barbara Minen e Tieris Antighis, ancora con le voci di Aida Talliente e Michele Polo.
Il tutto viene proposto sulle frequenze di Radio Onde Furlane – i 90 Mhz in gran parte del Friuli e i 90.200 e i Mhz in Carnia – e diffuso in tutto il mondo in streaming, nonché su tablet, smartphone, iPad e iPod attraverso la App, che permette a chiunque e dovunque di ascoltare la “radio libare dai furlans”.

comunicato stampa

Share This