MITTELFEST 2021
IL PALCOSCENICO COME SPECCHIO DELLA SOCIETÀ ODIERNA

“Nel fitto programma di Eredi, il palco riflette il nostro quotidiano”, così commenta il direttore artistico Pedini, che consiglia alcuni spettacoli da non perdere
“Quando si va a teatro si sta sempre dentro al presente, questo è lo spettacolo dal vivo: non un qualcosa che viene ripescato dal passato, ma un prodotto nato da ciò che ci gravita intorno”, queste le parole di Giacomo Pedini, che racconta la nuova edizione di Mittelfest, “’Eredi”, in partenza questo venerdì a Cividale del Friuli.
Il tema di quest’anno, così come gran parte degli spettacoli in scena, ha infatti una forte connotazione sociale ed è stato inevitabilmente influenzato dall’esperienza di rottura e cambiamento vissuta in quest’ultimo anno e mezzo.
“Abbiamo scelto diversi spettacoli che, in modi diversi, raccontano le peculiarità della società odierna – commenta Pedini – mi viene in mente Due padri e altri animali feroci di Leo Ortolani: grande fumettista che racconta, insieme ad un bravissimo chitarrista come Giampaolo Bandini, la loro comune esperienza di padri adottivi. Insieme, spiegano cosa significa scegliere di crescere qualcuno e quindi di trasmettergli la propria eredità. Abbiamo poi Letra (La Lettera) di Ylljet Aliçka, che lo affronta da una prospettiva diversa: il rapporto tra un’analfabeta e un maestro, e l’esigenza di lasciare traccia di sé a qualcuno che possa raccontarti. C’è poi Six Memos, dove il violoncello di Enrico Bronzi e le parole di Paolo Di Paolo ricompongono quel ritratto dell’umanità per il nuovo secolo abbozzato da Italo Calvino nel 1985.  Non ultimo – prosegue il direttore artistico di Mittelfest – lo spettacolo My Husband (Mio Marito), che è invece un racconto strettamente contemporaneo, nel quale si mette in scena il rapporto uomo donna in un momento storico in cui la questione dei rapporti di genere è al centro del dibattito pubblico”.
Diversi temi e linguaggi, e la volontà di raccontarli ad un pubblico quanto più possibile ampio ed eterogeneo. Questo è quello che si evince dalle parole del nuovo direttore artistico della prestigiosa kermesse cividalese, Giacomo Pedini. Così come è accaduto a giugno per la novità del 2021, Mittelyoung, questo venerdì Mittelfest alza il suo sipario ed è pronto a stupire.

PROGRAMMA
LETRA (LA LETTERA) andrà in scena al Teatro Ristori
Venerdì 27 alle ore 21.30
MY HUSBAND (MIO MARITO) andrà in scena al Teatro Ristori
Martedì 31 ore 21.30
SIX MEMOS andrà in scena alla Chiesa di San Francesco
Giovedì 2 settembre ore 19 e 21.30
DUE PADRI E ALTRI ANIMALI FEROCI andrà in scena alla Chiesa di San Francesco
Domenica 5 settembre alle ore 16
Tutti gli spettacoli sono su prenotazione.
Info point 0432/733966 – biglietteria 0432/734316 –  biglietteriamittelfest@gmail.com

comunicato stampa

Share This