Rassegna di arte contemporanea 2023 –18° edizione
IL GIORNO ARDENTE│THE BURNING DAY
A cura di Eva Comuzzi e Orietta Masin
Venerdì 26 gennaio inaugura “Ciò che resta del fuoco”, mostra personale di Maria Elisabetta Novello a San Tomaso di Majano.
Inaugurazione alle ore 18,00, in collaborazione con il Comune di Majano e l’Associazione Amici dell’Hospitale. Introduce Giulia Benedetti, Assessore alla Cultura e alle Politiche Giovanili.

L’Hospitale di San Giovanni di Gerusalemme a San Tomaso di Majano è una delle meraviglie della nostra Regione dove il 26 gennaio 2024 alle ore 18 si inaugura la mostra personale di Maria Elisabetta Novello intitolata Ciò che resta del fuoco, curata da Eva Comuzzi e Orietta Masin e introdotta dall’Assessore alla Cultura e alle Politiche Giovanili Giulia Benedetti. L’esibizione delle opere, tra cui video e installazioni, è visitabile fino al 18 febbraio ogni sabato e domenica dalle 14.30 alle 18.30 ed è realizzata grazie alla collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune di Majano e l’Associazione Amici dell’Hospitale.

La mostra rientra tra gli eventi del progetto IL GIORNO ARDENTE │ THE BURNING DAY pensato per la diciottesima edizione della rassegna di arte contemporanea promossa dal Circolo ARCI Cervignano APS, curata da Eva Comuzzi e Orietta Masin, e sostenuta dalla Regione FVG, che intende esaminare le condizioni di permanenza e di circolazione del mito della fenice nella contemporaneità e in particolare i caratteri che hanno garantito a questa storia favolosa una permanenza nell’immaginario collettivo. L’idea di lavorare sull’aspetto simbolico della fenice ha inizio nell’estate del 2022 durante un periodo di siccità senza precedenti che ha innescato numerosi incendi nella nostra Regione e i peggiori nella storia della vicina Slovenia.

Maria Elisabetta Novello (https://coafproject.it/artisti/) è una artista che dell’utilizzo della cenere ne ha fatto un segno inconfondibile della sua ricerca creativa: un elemento effimero e fuggevole che porta in sé la fragilità del contemporaneo, la bellezza e l’instabilità dell’esistenza stessa con la quale genera nuove forme e presenze, tracce segnate dalla memoria.Per l’artista il titolo della mostra rappresenta un esplicito omaggio al libro di Jacques Derrida Ciò che resta del fuoco dove il filosofo francese prendeva spunto dalla frase conclusiva «là vi è la cenere» di un suo precedente scritto.

La riflessione è legata al tema del fuoco che tutto brucia e trasforma.
“Per aprire il nuovo anno, non potevamo che affidarci, vista la ‘materia’ dalla quale tutto il progetto è partito, ai lavori – tra cui video e installazioni immersi nell’atmosfera mistica dell’Hospitale – di una delle artiste della nostra Regione, anche se vicentina di nascita, che oggi sta maggiormente raccogliendo i frutti del suo lavoro con riconoscimenti e mostre in gallerie e musei importanti in tutta Italia e all’estero – osservano le curatrici Eva Comuzzi e Orietta Masin – E non potevamo che omaggiare le meraviglie della nostra regione lasciandoci condurre in un antico complesso fondato alla fine del 1100 dai cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme nel periodo delle crociate che costituiva una tappa importante della Via del Tagliamento nell’antica Via di Allemagna che collegava l’Europa fino ai Paesi Baltici con i porti dell’Adriatico. Una stazione con funzione di assistenza per viandanti e pellegrini, l’unica rimasta in Friuli Venezia Giulia: parliamo dell’Hospitale di San Giovanni di Gerusalemme a San Tomaso di Majano, sede della mostra.”

In occasione del finissage, il 18 febbraio alle ore 18 Eva Comuzzi presenterà l’incontro RINASCERE con Mariacristina Errani autrice del libro Oltre la malattia con la Divina Commedia – Il viaggio dantesco di vera guarigionE. Docente dell’Accademia di Erica F. Poli con metodo IGEA che recupera la Paideia, l’educazione, non solo alla conoscenza, ma alla coscienza, nell’unità dei saperi, per la promozione della salute individuale e collettiva, l’autrice, grazie alla propria esperienza di guarigione fisica e spirituale, ripercorre il viaggio compiuto e narrato da Dante e lo sottopone al confronto con il percorso introspettivo ed evolutivo a cui la malattia spesso sospinge. Il testo si rivela una guida potente per ispirare e accompagnare alla rinascita chi si ritrova a camminare“per una selva oscura”.

La rassegna di arte contemporanea 2023 IL GIORNO ARDENTE│THE BURNING DAY è un progetto realizzato in partenariato con il Comune di Cervignano del Friuli, Comune di San Vito al Tagliamento, Comune di Rivignano–Teor, lo SMO-Slovensko multimedialno okno e l’Accademia di Belle Arti di Udine G.B. Tiepolo, e si avvale di altre importanti collaborazioni con: Comune di Majano, Associazione l’Hospitale di San Giovanni (Majano), Associazione [A] (Marano Lagunare), Associazione Prologo (Gorizia), Associazione Piccolo Cinema Paradiso (Brescia), Galleria Myymälä2 (Helsinki), Edizioni QUDU libri (Gorizia), Albergo Diffuso Ai Ciodi (Grado), B&B Isola di Falconera (Cavallino Treporti, Venezia), B&B Casa Onia (Brescia).

Ciò che resta del fuoco mostra personale di Maria Elisabetta Novello Hospitale di San Giovanni di Gerusalemme di San Tomaso di Majano Piazza S. Giovanni, 11, 33030 Majano UD dal 26 gennaio al 18 febbraio 2024 ogni sabato e domenica dalle 14.30 alle 18.30

PER INFORMAZIONI
Pagina FB: Il giorno ardente / the burning day – arte contemporanea 23
cell/whatsApp: 338 845 4492

comunicato stampa

Share This