C’è sempre un posto speciale a PORDENONELEGGE, per Sara Moranduzzo, operatrice culturale e giornalista mancata nel 2012, che per il festival collaborava, e in particolare per l’attività della Biblioteca di Sara , che nel suo nome, da quasi 10 anni, si occupa del prestito di libri in corsia in ospedale e di letture ad alta voce sia nei reparti ospedalieri che in case per anziani, comunità alloggio, grazie a un gruppo di lettori volontari preparati e appassionati. Un’attività che si sostiene attraverso le donazioni e alla solidarietà di nuovi o “storici” amici dell’associazione, fra i quali Pordenonelegge, che anche quest’anno ha inserito nel suo programma l’evento per i più piccoli di domenica 19 settembre, alle 17, “Un tesoro di fiabe”, nella sala Degan della biblioteca civica. Il bar Amman, inoltre, ha organizzato un suo momento di letture ad alta voce per i più grandi sabato, alle 19, “Storie comiche d’amore e dintorni”. Ieri , intanto, due lettrici hanno partecipato alle premiazioni del premio Cappello (IN FOTO) leggendo alcune filastrocche e poesie del poeta.
La Biblioteca di Sara sarà inoltre presente al festival nelle giornate di sabato 18 e domenica 19 settembre, in via Mazzini, ospite dello stand, gestito dall’associazione “Quelle dei bigliettini gialli”.

Comunicato Stampa

Share This