Sabato 24 luglio alle 21 al Museo Paleocristiano di Monastero di Aquileia
MUSICA CORTESE, MELODIE ANTICHE E
PAESAGGI SONORI TRIDIMENSIONALI

L’ensemble finlandese Aino Peltromaa protagonista di un concerto multimediale
ispirato alle composizioni della monaca medioevale Hildegard von Bingen

Melodie antiche, come quelle medioevali e rinascimentali, che si fondono in un unicum con diverse esperienze sonore multimediali. Un luogo, il Museo paleocristiano di Monastero di Aquileia, dove le suggestioni archeologiche tramandate dalla storia fanno da sfondo a contemporanei paesaggi sonori tridimensionali.

Sarà una vera e propria immersione acustica e visiva quella proposta sabato 24 luglio alle 21 da Musica Cortese, il festival internazionale di musica antica nei centri storici del Friuli Venezia Giulia, che per il prossimo appuntamento fa tappa a Monastero in collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale di Aquileia.

Introdotto da Marco Maria Tosolini, musicista, compositore, scrittore, drammaturgo e docente al Conservatorio Tartini di Trieste, l’ensemble finlandese Aino Peltomaa eseguirà il concerto “L’armonia delle sfere”, progetto trasversale ispirato alle musiche di Hildegard von Bingen, monaca medievale, mistica, guaritrice e compositrice.

I canti saranno accompagnati da paesaggi sonori tridimensionali, basati sui rapporti delle orbite planetarie sulla scorta delle idee formulate da Pitagora e Platone e successivamente elaborate da Boezio e Keplero. Secondo questi ultimi, infatti, i corpi celesti come sole, luna e i vari pianeti, producono ognuno una propria risonanza orbitale, un ronzio metafisico riducibile a rapporti numerici tali da creare armonie musicali. Su questo materiale si sovrappone il “qui e ora”, espresso in forma di improvvisazione moderna grazie alla voce della cantante Aino Peltomaa e ai suoni eseguiti da Antti Peltomaa (live-electronics, sound design, bouzouki) e da Jorma Kalevi Louhivuori (tromba, effetti).

L’appuntamento, così come tutti gli altri di Musica Cortese, è a ingresso gratuito, ma con prenotazione, inviando una email a dramsamcgma@gmail.com. Info su: www.dramsam.org.

Comunicato stampa

Share This