Il sito di instArt fa uso di cookies per il suo regolare funzionamento, dovuto all'uso di CMS Joomla.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

La presente Cookie Policy è relativa al sito www.instart.info (“Sito”) gestito e operato da Massimo Cum - Via monte peralba 4 - 33100 Udine - CF CMUMSM66M19C817N

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.


La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Tipologie di cookies utilizzati

Cookies di prima parte:

I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

Cookies di terzi:

I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre Open Source Solutions utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Open Source Solutions non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; Open Source Solutions a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy di Open Source Solutions si applica solo al Sito come sopra definito.

Cookies persistenti:

I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.


Cookies essenziali:

Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

Cookies funzionali:

Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

Cookies di condivisone sui Social Network:

Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di Cookie Prima parte Funzionale
Provenienza Open Source Solutions
Finalità Recuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
Durata Cookie persistente
   
2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
Provenienza Open Source Solutions
Finalità Memorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)
   
3) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
Provenienza Open Source Solutions
Finalità Personalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)



Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.


E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Open Source Solutions.

   

Per la tua pubblicità
scrivi a
redazione@instart.info

 

instart / webmagazine dedicato all'arte IN giro / Istantanee di Musica - Teatro - Cinema - Danza - Arti figurative - Libri

inEventi  inMusica  |  inScena  |  inAscolto  |  inLibri  |  inPunta  |  inMostra  |  inMovie  |  inCoro  |  inJazz  |  inViaggio  |  inCurioso

inSocial

Diventa amico di instArt

inEditoriale

  • Arte all'istante

    19.06.2013 15:01

    Il nostro sogno é diventato progetto e ora è un sito al vostro servizio. Vogliamo restituirvi in tempo reale, ma senza il pericolo di abbassare la qualità del lavoro, le emozioni dello spettacolo o della mostra che avete appena visto. Non vi racconteremo tutto quello che accade, ma avrete tutto quello che noi pensiamo sia importante suggerirvi. Ve lo proporremo in agenda e poi in cronaca, con immagini. Così, voi uscite dallo spettacolo, bevete qualcosa con gli amici, andate a casa, accendete il pc e riaccendete le vostre e nostre emozioni. Parola di InstArt!!!

inJazz di LdA

  • Presentati a Trieste il 58° Jazz Festival Ljubljana e la 4^European Jazz Conference

    2017-05-30 23:15:53

    Leggi tutto...

  • San Vito Jazz 2017: al via l'11ma edizione! Ne parliamo con il direttore artistico Flavio Massarutto

    2017-02-21 11:40:57

    Leggi tutto...

inViaggio

inContro

  • La terra è di Dio - Farete riposare la Terra, il 19 dicembre a Coderno di Sedegliano

    15.12.2015 18:47

    Leggi tutto...

  • Venerdì 4 dicembre a Trieste, Sala Bartoli, conferenza dedicata a Calendar Girls di Tim Firth in scena al Politeama Rossetti fino a domenica 6

    03.12.2015 19:48

    Leggi tutto...

inPagina

  • "G.", di John Berger, ed il Friuli Venezia Giulia

    30.04.2015 10:59

    Leggi tutto...

inTervista by Smoothmax

  • Franco Giordani musicante e viaggiatore amico della musica.

    11.10.2016 18:48

    Leggi tutto...

  • InTervista a Federico Missio, ecclettico musicista e maestro del sax

    02.07.2015 09:07

    Leggi tutto...

  • InTervista a Jimi Barbiani, raffinato bluesman friulano

    21.05.2015 22:48

    Leggi tutto...

  • InTervista a Carla Agostinello, direttrice e curatrice di Note del Timavo e Tango da Pensare

    03.04.2015 22:48

    Leggi tutto...

  • InTervista a Andrea Casaccio, el hombre de las estrellas

    03.04.2015 22:48

    Leggi tutto...

inCurioso

  • I bisogni dei ragazzi: genitori, scuola e studenti insieme contro la dispersione scolastica

    09.06.2017 11:01

    Leggi tutto...

  • FEFF19: FARE ed ESSERE ad ognuno il suo personaggio!

    26.04.2017 18:25

    Leggi tutto...

Non c’è niente da dire. Claudio Cojaniz, lo sappiamo, ama la dimensione del piano solo. Perfino il suo primo disco “Metronomes (Prelude to a magic night)”, un LP  Tactus della Ictus Records, 1983 (utopica casa discografica fondata da Andrea Centazzo e Carla Lugli) era un disco in piano solo. Lo ha dimostrato negli anni, lo continua a dimostrare (non faremo il gioco di contarli, vi assicuriamo ve ne sono molti, tutti da avere ed ascoltare).

E’ di questi giorni l’uscita del suo Stride Vol. 3 – Live, sempre per Caligola Records dell’amico Claudio Donà, prodotto dal Comune di Pasian di Prato (registrato all'Arena del Parco Azzurro di Passons da Bruno Di Gleria, missato e masterizzato da Franco Feruglio, edito da Walter Bertolo). Abbiamo approfittato dell’occasione per riascoltare anche i primi due volumi di una trilogia straordinaria di un pianista, colto e sensibile, che continua ad affascinare ad ogni concerto.

Chi lo conosce sa che per anni si è dedicato alla musica istantanea (Flavio Massarutto, amico e scrittore, sottolineava come “sembra un paradosso, ma la tradizione è uccisa dai tradizionalisti, solo i rivoluzionari possono salvarla come hanno dimostrato i musicisti Free”), ma con una profonda immersione nel mondo del blues, radici indimenticabili, per lui e per il jazz.

Chi lo conosce sa che è uomo non semplice, mai banale; la sua musica è politica nel senso più alto di questo termine, oramai insozzato dai più; è convinto come non mai che un artista debba per forza di cose schierarsi e la sua musica non può che essere schierata. Noi lo amiamo anche per questo.

Stride Vol. 1 (2014) è il disco forse più stride di tutti: Claudio ha voluto reinterpretare la maggior parte dei brani a lui più cari – soprattutto il mai abbandonato Thelonious Monk – proprio con questo stile pianistico jazz degli anni ’20 e ’30. Già sul finale di questo disco appare però anche la sudafricana Malaika, altro titolo che far i folk tradizionali non manca quasi mai ai suoi concerti. Ed è con questa e con l’unico brano a suo nome Erika, delicatissimo ed appassionato, che chiude il cd aprendosi ad altri orizzonti.

Ma “volume primo” preludeva ad un seguito e così è stato. Esattamente come nel disco precedente, Claudio tre anni dopo si siede nuovamente davanti ad uno degli splendidi Steinway & Sons C227 di Lorenzo Cerneaz (altro mago della nostra regione Friuli Venezia Giulia, la fortuna di molti e molti pianisti ed organizzatori della zona) e complice per la seconda volta l’amico Andrea Tavian che lo registra sforna un altro capolavoro.

Gia la copertina di Stride Vol. 2 (2016) ci svela che Claudio è innamorato (un bacio passionale sugli spartiti? Ne vediamo la traccia del rossetto). Entriamo in un mondo vivo, fatto di carne ed amore, passione e impeto. Claudio suona come lui sa fare, con straordinaria partecipazione, emozione. La stessa scelta dei brani ci svela quanto amore c’è in tutto il disco: da Solace (a mexican serenade)  di Scott Joblin a Smoke gets in your eyes (Jerome Kern, Otto Harbach), da Late lament di Paul Desmond a Georgia on my mind fino all’indimenticabile I love you Porgy  una serie di brani uno più magicamente interpretato dell’altro.

Che dire di Stride Vol. 3 – Live? Non passa neppure un anno ed è forse della trilogia il disco più riuscito in assoluto, perché viene magicamente registrato dal vivo ed in una di quelle occasione uniche dove il pianoforte (uno Steinway & Sons B211 del 1890, come sempre messo a disposizione dal sensibile Lorenzo Cerneaz), il pianista/viaggiatore ed il pubblico sono allineati tra musica, emozioni e stelle.

Vi sono un po’ tutti i “cavalli da battaglia” dell’amico Cojaniz, insomma i brani che non mancano mai a suoi concerti, dall’amato Monk, ad una splendida versione di Gracias a la vida (per non dimenticare mai l’impegno politico), il blues di Jimmy Cox Nobody knows you when you’re down and out, lo straordinario Elligton di African Flower (ne regalò una versione indimenticabile nel disco “Hasta Siempre” in trio con Giovanni Maier  U.T. Gandhi), l’immancabile Jovano, Jovanke (ritmato folk macedone) ma anche belle sorprese come “Il nostro concerto” di Umberto Bindi (e Giorgio Calabrese) o Michelle  di John Lennon e Paul McCartney. Un solo brano anche qui, composto dal nostro, una delicata ed emozionante Toni dedicata alla poetessa Antonella Iaschi sua compagna di vita. 

Un disco che parte dal cuore ed arriva direttamente al cuore di tutti.

Così come Claudio Cojaniz in questi anni, come sempre ad ogni suo concerto

Luca A. d’Agostino © instArt

e-max.it: your social media marketing partner

inCerca

inContatto

Lascia un tuo commento, un tuo suggerimento sul sito.
Commento/Suggerimento

Segnala un evento a
redazione instArt

inSimpatia











Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Gorizia Reg. n. 1/2016 dd. 1.3.2016
Editore/proprietario: ComUnica di Marina Tuni - Via Aquileia 5g - Monfalcone (GO) - c.f./p.iva 01157900315 - Direttore: Luca d'Agostino
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno VII Copyright © 2003
Realizzazione webintre di Massimo Cum - info@webintre.com
I diritti delle immagini e dei testi sono di proprietà dei loro autori.
È fatto divieto assoluto di riproduzione con qualsiasi mezzo salvo licenza dall'autore stesso.
instart webzine - redazione@instart.info