Il sito di instArt fa uso di cookies per il suo regolare funzionamento, dovuto all'uso di CMS Joomla.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

La presente Cookie Policy è relativa al sito www.instart.info (“Sito”) gestito e operato da Massimo Cum - Via monte peralba 4 - 33100 Udine - CF CMUMSM66M19C817N

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.


La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Tipologie di cookies utilizzati

Cookies di prima parte:

I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

Cookies di terzi:

I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre Open Source Solutions utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Open Source Solutions non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; Open Source Solutions a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy di Open Source Solutions si applica solo al Sito come sopra definito.

Cookies persistenti:

I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.


Cookies essenziali:

Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

Cookies funzionali:

Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

Cookies di condivisone sui Social Network:

Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di Cookie Prima parte Funzionale
Provenienza Open Source Solutions
Finalità Recuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
Durata Cookie persistente
   
2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
Provenienza Open Source Solutions
Finalità Memorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)
   
3) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
Provenienza Open Source Solutions
Finalità Personalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)



Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.


E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Open Source Solutions.

   

Per la tua pubblicità
scrivi a
redazione@instart.info

 

instart / webmagazine dedicato all'arte IN giro / Istantanee di Musica - Teatro - Cinema - Danza - Arti figurative - Libri

inEventi  inMusica  |  inScena  |  inAscolto  |  inLibri  |  inPunta  |  inMostra  |  inMovie  |  inCoro  |  inJazz  |  inViaggio  |  inCurioso

inSocial

Diventa amico di instArt

inEditoriale

  • Arte all'istante

    19.06.2013 15:01

    Il nostro sogno é diventato progetto e ora è un sito al vostro servizio. Vogliamo restituirvi in tempo reale, ma senza il pericolo di abbassare la qualità del lavoro, le emozioni dello spettacolo o della mostra che avete appena visto. Non vi racconteremo tutto quello che accade, ma avrete tutto quello che noi pensiamo sia importante suggerirvi. Ve lo proporremo in agenda e poi in cronaca, con immagini. Così, voi uscite dallo spettacolo, bevete qualcosa con gli amici, andate a casa, accendete il pc e riaccendete le vostre e nostre emozioni. Parola di InstArt!!!

inJazz di LdA

  • Presentato a Jazz&Wine of Peace 2017 il cd "Connessioni/Povezave" della Klopotec, splendida etichetta discografica! Ne parliamo con il suo creatore Iztok Zupan

    2017-10-25 15:22:26

    Leggi tutto...

  • Presentata la 20ma edizione di Jazz&Wine of Peace 2017

    2017-09-08 17:26:33

    Leggi tutto...

inViaggio

  • Nassfeld, il comprensorio sciistico che da sempre sorprende per la sua unicità, inizia all'insegna del numero “6” e riparte con una stagione invernale quanto mai ricca e brillante

    23.11.2017 16:32

    Leggi tutto...

  • Chocofest 2017: a Gradisca d’Isonzo dal 24-26 novembre si rinnova la magia del cioccolato. Presentata all’Enoteca La Serenissima la 20 edizione di una delle feste più amate in regione

    18.11.2017 19:06

    Leggi tutto...

inContro

  • La terra è di Dio - Farete riposare la Terra, il 19 dicembre a Coderno di Sedegliano

    15.12.2015 18:47

    Leggi tutto...

  • Venerdì 4 dicembre a Trieste, Sala Bartoli, conferenza dedicata a Calendar Girls di Tim Firth in scena al Politeama Rossetti fino a domenica 6

    03.12.2015 19:48

    Leggi tutto...

inPagina

  • "G.", di John Berger, ed il Friuli Venezia Giulia

    30.04.2015 10:59

    Leggi tutto...

inTervista by Smoothmax

  • Franco Giordani musicante e viaggiatore amico della musica.

    11.10.2016 18:48

    Leggi tutto...

  • InTervista a Federico Missio, ecclettico musicista e maestro del sax

    02.07.2015 09:07

    Leggi tutto...

  • InTervista a Jimi Barbiani, raffinato bluesman friulano

    21.05.2015 22:48

    Leggi tutto...

  • InTervista a Carla Agostinello, direttrice e curatrice di Note del Timavo e Tango da Pensare

    03.04.2015 22:48

    Leggi tutto...

  • InTervista a Andrea Casaccio, el hombre de las estrellas

    03.04.2015 22:48

    Leggi tutto...

inCurioso

  • Approvato il disegno di legge per il sostegno e la valorizzazione del sistema informativo regionale

    02.02.2018 14:16

    Leggi tutto...

  • All'Hotel Poesia un Natale di versi: parte il poetry crossing e arriva il booklet 15 Poesie dedicato al progetto Pordenonelegge

    09.12.2017 14:21

    Leggi tutto...

E' ormai un legame ben consolidato, quello tra il Rossetti e Alessandro Albertin. Nella programmazione teatrale non succede spesso -infatti- di proporre consecutivamente per due stagioni uno spettacolo ospite. "Perlasca - Il coraggio di dire no" appartiene a quella piccolissima percentuale per cui ciò è accaduto. Una scelta quasi naturale a dire il vero, visto il grande successo dell'anno scorso, con repliche sempre completamente esaurite e un riscontro entusiasta da parte del pubblico.



E' stato quindi un grande piacere poter rivedere il talento di Albertin per altre quattro serate nella cornice intima e avvolgente della Sala Bartoli. Location che -come lui stesso ha giustamente sottolineato a inizio spettacolo- è perfetta per uno spettacolo come il suo, sia per la già citata intimità sia per l'estrema vicinanza con il pubblico.
Vicinanza che Albertin sfrutta subito, iniziando con l'ormai consueto dialogo con la platea, condito da alcune domande atte a introdurre i minuti iniziali del suo spettacolo. Che non entra immediatamente nella storia di Giorgio Perlasca ma dedica una riflessione a come spesso ci rimangano scolpiti nella memoria le date e gli avvenimenti più importanti, quelli che hanno maggior risalto mondiale, mentre vicende altrettanto influenti ma meno "pubblicizzate" vengano dimenticate. Riflessione molto composta e ragionata, scevra da vuota retorica o facili populismi.
L'assenza di questi due elementi non vale solo per il cappello introduttivo ma per l'intero spettacolo ed è certamente uno dei suoi punti di forza. Nel campo dei monologhi dedicati a una figura storica accade purtroppo che a volte si pigi troppo sul pedale del facile sentimentalismo e si tenda a far assurgere il protagonista a un ruolo quasi beatificato. Il teatro di Albertin da questo punto di vista è una piccola gemma: asciutto, didascalico, trasmette sì tutta la bontà delle gesta di Perlasca senza però trasformarlo in un martire o in papocchio romanzato in pieno stile "buono contro i cattivi".


Degna di lode anche la caratterizzazione dei vari personaggi che si alternano sul palco: oltre a Parlasca, Albertin cambia continuamente pelle diventando di volta in volta l'ambasciatore spagnolo Sanz Briz, madame Tourné (segretaria dell'ambasciata), l'avvocato ungherese Farkas o diverse personalità delle Croci Frecciate (le forze filonaziste ungheresi che controllavano il paese). Incrociando i ruoli in dialoghi che coinvolgono anche tre o quattro personaggi alla volta. Dovrebbe risultare lampante la difficoltà nel mantenere chiari i diversi ruoli e non confonderli tra loro. Albertin ci riesce alla perfezione: mai nel corso dell'ora e mezza abbondante del monologo ci si chiede chi sta pronunciando una certa frase. Questo sia grazie alle grandi capacità interpretative di Albertin, che usa sia cambi nella voce (e nell'accento, imitando quello di diverse lingue) che nella postura per rendere ogni personaggio unico e facilmente distinguibile. Oltre a qualche piccolo stratagemma scenico e di luci come nel pregevole ritratto del comandante Vaina, leader delle Croci Frecciate: il gioco di luci proietta ombre nerissime sul suo volto, in particolare oscurando completamente le sue orbite oculari e rendendo Vaina profondamente inquietante, quasi un teschio parlante.



Molto particolare la narrazione scelta da Albertin, invece, per quanto riguarda la successione degli eventi. Non un flusso continuo in cui dispiegare tutto ciò che accade nei 45 lunghissimi giorni in cui Perlasca impegnò tutto sé stesso per salvare più di 5000 ebrei dalla morsa nazista ma un continuo salto tra un evento e l'altro. Di certo alla base di questa scelta sta il paragone sempre presente sul palco -forse un pò azzardato, eppure perfettamente funzionale- con una partita di calcio. Non assistiamo quindi all'intero match ma solo ai cosiddetti "highlights", le azioni più importanti. Assistiamo quindi ai "gol" della squadra di Perlasca: dal riuscire -con il solo strumento della diplomazia- a strappare alle Croci Frecciate l'impegno di non entrare nelle case protette dove l'ambasciata spagnola da rifugio agli ebrei (1-0), allo strappare ai nazisti gli ebrei già fatti salire su un treno destinato ai campi di concentramento (2-0). Così come alle azioni del contrattacco nemico quando scopre che l'ambasciatore spagnolo era stato costretto a fuggire (2-1), fino al modo in cui Perlasca mette in gioco la sua stessa vita quando decide di tentare il tutto per tutto, bluffare e fingersi il console spagnolo, rimettendo così tutto sul piano della diplomazia internazionale (3-1).



Come già accennato, la cosa che maggiormente colpisce sono la semplicità e l'umanità con cui le vicende vengono raccontate, senza inutili fronzoli. E' grande e ammirevole il lavoro di Albertin, che così risulta profondamente coerente con l'uomo/eroe da lui interpretato: semplicità e umiltà sono state infatti le caratteristiche principali dello stesso "vero" Perlasca, che al rientro in Italia dopo la guerra non espose mai la sua vicenda né alla stampa né -addirittura- alla propria famiglia. Scrisse solo alle autorità competenti sia italiane che spagnole, non per chiedere una ricompensa ma per metterle al corrente e evitare problemi alle persone che oltre a lui erano rimaste coinvolte, come l'ambasciatore Binz. La sua storia ha potuto ottenere popolarità nazionale solo perché negli anni '80 fu rintracciato nella propria casa di Padova da due degli ebrei che aveva salvato: volevano ringraziarlo per ciò che aveva fatto per loro, e fu questa inaspettato reincontro la chiave per svelare al mondo le vicende ungheresi.
Anche allora Perlasca mantenne la propria umiltà, senza atteggiarsi mai a eroe ma esprimendo un unico desiderio: che le nuove generazioni conoscessero le storie come la sua, per evitare di ripetere gli stessi errori. Il monologo di Albertin riesce perfettamente in questo intento, restituendo una storia emozionante, vibrante pur nel suo essere asciutta e non "romanzata".



E' quindi un enorme piacere scoprire -a fine spettacolo- che oltre alle quattro repliche di questi giorni sarà possibile rivivere ancora una volta le vicende di Perlasca in aprile per una rappresentazione speciale non più in Sala Bartoli ma sul palco della Sala Assicurazione Generali.

©LV/Instart

e-max.it: your social media marketing partner

inCerca

inContatto

Lascia un tuo commento, un tuo suggerimento sul sito.
Commento/Suggerimento

Segnala un evento a
redazione instArt

inSimpatia











Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Gorizia Reg. n. 1/2016 dd. 1.3.2016
Editore/proprietario: ComUnica di Marina Tuni - Via Aquileia 5g - Monfalcone (GO) - c.f./p.iva 01157900315 - Direttore: Luca d'Agostino
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno VII Copyright © 2003
Realizzazione webintre di Massimo Cum - info@webintre.com
I diritti delle immagini e dei testi sono di proprietà dei loro autori.
È fatto divieto assoluto di riproduzione con qualsiasi mezzo salvo licenza dall'autore stesso.
instart webzine - redazione@instart.info